Da Carbonia a Cortighiana a piedi, in sella ad un cavallo o in bike purché Slow

Martedì, 18 Dicembre 2018 11:32

Domenica 16 dicembre in viaggio verso un futuro che è già attuale

"Non vi è confine tra sogno e realtà se c’è rispetto anche il territorio si muove in tuo aiuto"

Metti una mattina tiepida di dicembre a Carbonia nel sud della Sardegna, la cittadina che si sveglia invasa da centinaia di escursionisti a piedi, a cavallo ed in mountain bike, per festeggiare l’80° anniversario della sua fondazione trasformando questa occasione in un momento di aggregazione, amicizia e sport.

Protagonista indiscussa l’organizzazione della Fondazione Cammino Minerario di Santa Barbara che ha permesso di percorrere 18 km in tutta sicurezza  lungo una delle tappe del Cammino  sulla quale passerà anche l’Ippovia realizzata con la collaborazione tecnica della Fitetrec Ante che domenica ha visto sfilare i suoi tecnici,amazzoni e cavalieri uniti, forse per la prima vota, oltre che dalla passione dalla condivisione di un progetto che sta diventando fiore all’occhiello nel movimento internazionale dello Slow Tourism.

La carovana di camminatori, bikers, cavalli , amazzoni e cavalieri con il suo passaggio ha riacceso la memoria di antichi siti minerari ed archeologici come il nuraghe Sirai e rinverdito sentieri precedentemente ripuliti e messi in sicurezza dai lavoratori della Fondazione che poche ore prima hanno posato la nuova segnaletica dedicata al passaggio dei vari gruppi.

Tutto questo è stato reso possibile anche grazie alla sinergia che si è creata tra i vari operatori locali, le amministrazioni ed i privati accompagnati per mano dal Presidente della Fondazione CMSB, dott. Giampiero Pinna, che ha individuato in questo territorio ancora in parte inesplorato e unico, una grande risorsa grazie anche al binomio ambiente-storia che lo caratterizza attivando un processo di valorizzazione e protezione dell’ambiente oltre che della cultura, della storia e delle antiche tradizioni eno-gastronomiche.

A breve tutti potranno cogliere i benefici del passaggio degli escursionisti che percorreranno i 400 km  del Cammino con la sua ciclovia ed Ippovia  e che sosteranno nelle infrastrutture presenti nelle varie tappe  portando un contributo importante alla micro economia locale.

Quando un’escursione si trasforma in un’esperienza unica, indimenticabile come quella alla quale abbiamo assistito domenica , il futuro sostenibile del movimento turistico sembra già attuale anticipando il 2019, anno dedicato al turismo lento.

Questo è solo un assaggio vi aspettiamo tutti in sella za maggio lungo i sentieri dell’Ippovia Cammino Minerario di Santa Barbara, stay tuned!

 

Posted by Romina R. Ufficio Stampa Fitetrec Ante

Photo Romina R. e Archivio CMSB