Turismo Equestre: Le due belle facce dell’Emilia Romagna

Giovedì, 11 Novembre 2021 17:12
Sestola, il lago della Ninfa, la spiaggia Romea: tre indicazioni semplici e fin troppo riduttive per spiegare la realtà del Turismo Equestre in Emilia Romagna.
 
Quest’anno, rispettivamente ad agosto e poi ad ottobre, due appuntamenti con il trekking hanno dato vita a raduni mozzafiato. Una vincente equazione fatta di due elementi: natura e storia.
 

LA SPETTACOLARITA’ DELLA MONTAGNA

 
Il trekking a cavallo del penultimo week-end di Agosto, con partenza dal Centro Turismo Equestre Sestolese (Sestola- Modena-)ha raggiunto il lago della Ninfa (1503 mt. Molti i binomi partecipanti sotto la guida attenta di Giuseppe Ranieri, noto conoscitore del luogo e accompagnatore equestre di alto profilo. In fila indiana nel paradiso del Monte Cimone, tra boschi ,mulattiere e sentieri circondati da enormi faggeti, il gruppo ha raggiunto il lago della Ninfa. Questa la cornice che ha accolto la sosta per cavalli e umani, impreziosita da un eccellente menù tipico montanaro. 
 
“La serata al centro ippico Sestolese - racconta il referente regionale Turismo Equestre Cesare Guiduzzi - ha rappresentato un ottimo ritrovo tra vecchi e nuovi amici che condividono la passione per il cavallo”. 
 
La domenica mattina tutti in sella fino al rifugio del Cimone. Conclusione del trekking presso il centro, con pranzo e bicchiere della staffa.
 
 

LE EMOZIONI SUL MARE

 
Dal 15 al 17 ottobre, invece, protagonista dell’equiraduno è la spiaggia Romea (Ferrara), che ha riservato ai binomi - anche d’oltreregione - delle mete suggestive: l’Abbazia di Pomposa, il Capanno di Garibaldi e l’allevamento di spiaggia Romea, tra daini e bovini camarguesi.
 
La notturna in riva al mare, con tanto di luna piena, ha fatto da tramite per la meta del Lido di Volano. Dopo la cena a base di pesce il vero dessert è stato il ritorno in pineta: nessun rumore, solo il respiro dei cavalli.
 
“Un’organizzazione meticolosa in entrambi i raduni - ha sottolineato Guiduzzi - con guide di alto livello e un’accoglienza impeccabile. Va espresso il più sentito ringraziamento al Presidente Fitetrec-Ante Emilia Romagna Umberto Golinelli”.