NOVITA' PER LA TASSAZIONE DEI PREMI DEGLI SPORTIVI

Venerdì, 16 Febbraio 2024 08:19
 
Ha ottenuto il via libera anche un emendamento di modifica della disciplina fiscale sui premi messi in palio in occasioni di manifestazioni sportive dilettantistiche prevista dal comma 6 quater dell’art. 36, D.Lgs. n. 36/2021.
 
Nel merito, l’emendamento prevede che sulle somme versate agli atleti partecipanti a manifestazioni sportive dilettantistiche, a partire dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del decreto e fino al 31 dicembre 2024, non si applicano le ritenute alla fonte previste dall’ art. 30, c. 2, D.P.R. n. 600/1973 (pari al 20%) se l’ammontare complessivo delle somme attribuite nel suddetto periodo al medesimo soggetto non supera l’importo di 300 euro. Se detto ammontare è superiore al citato limite, lo stesso è assoggettato interamente a ritenuta.
 
A tal fine, all’atto del pagamento l’atleta rilascia al sostituto d’imposta autocertificazione attestante che, con il pagamento del premio conseguito, non supera il limite di 300 euro di somme percepite senza l’applicazione delle ritenute alla fonte.
 
Il sostituto d’imposta, entro il secondo mese successivo all’erogazione dei premi per i quali non è stata applicata la ritenuta alla fonte, provvede a comunicare all’interno del Registro nazionale delle attività sportive dilettantistiche, i dati dei soggetti beneficiari e del relativo premio percepito senza applicazione della ritenuta alla fonte e la medesima comunicazione è resa disponibile all’Agenzia delle entrate.